La lonza, localmente chiamata ‘capelomme’, è un salume ricavato dalla lombata di maiale. Il salume ha una lunghezza di almeno 30 cm e un  diametro variabile intorno ai 10 cm. Presenta una carne rosso granata e una venatura di grasso in pieno equilibrio con la parte magra.

Come si prepara

La carne  viene “rivestita” con le budella del suino, legato tutt’intorno con uno spago di medio calibro e fatto asciugare appeso, inizialmente al fumo del camino e, successivamente, in un locale privo di umidità per la vera e propria stagionatura.

Mettete inclinata la spianatoia in modo che scivoli l’acqua che caccia fuori, lasciate x due giorni nel sale.Sciacquare sotto acqua corrente togliere tutto il sale in una bacinella con acqua e vino bianco immergere la carne e tenere a bagno x 30 minuti.

Asciugare con degli strofinacci molto bene e impepate. Avvolgete in una carta speciale che potete chiedere al vostro macellaio oppure acquistare al supermercato. Per essere infilata nella rete vi consiglio di prendere un cilindro questo semplifica questo passaggio.

Le lonze sono pronte per essere appese e messe a stagionare in un luogo fresco e asciutto. Bisogna attendere circa 3 mesi per essere pronte e gustarle.

Come gustarla

a lonza viene tagliata a fette, preferibilmente al coltello. E’ uno dei salumi che compare nell’antipasto tipico abruzzese composto da soli salumi misti o da salumi e formaggi.

La lonza è perfetta se tagliata a fettine sottili come antipasto o per aperitivi semplici e buoni. Eccezionale sopra fette di pane casereccio croccante; è anche il fulcro di numerosi antipasti o secondi piatti. Una volta aperta la confezione sottovuoto, conservare in luogo fresco e asciutto.

Pin It on Pinterest

Share This